Vai al contenuto
Home » Corruzione funzionario per esercizio funzione

Corruzione funzionario per esercizio funzione

Corruzione del funzionario - Reati contro la Pubblica Amministrazione - Studio Legale MZ Associati - Avvocati Penalisti

Ai fini della corruzione per l’esercizio della funzione è sufficiente la promessa di denaro o altre utilità.

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Corruzione per l’esercizio della funzione

La vicenda in esame ha coinvolto un impiegato comunale che, dopo aver ricevuto la somma di 150 euro da un professionista interessato alla definizione di una pratica edilizia, si è attivato presso l’ufficio comunale competente per seguirne l’iter burocratico e reperire tutte le informazioni necessarie da comunicare al professionista.

Cosa dice la Cassazione?

Con la sentenza n. 33251/2021 la VIa sezione penale della Corte di Cassazione ha evidenziato che in tema di corruzione per l’esercizio della funzione è sufficiente la promessa di dazione di denaro o di altre utilità per remunerare lo stabile asservimento del pubblico ufficiale agli interessi personali di terzi realizzato mediante l’impegno permanente a compiere o ad omettere una serie indeterminati di atti ricollegabili alla funzione esercitata pur in assenza del compimento di uno specifico atto e della contrarietà o meno di quest’ultimo ai doveri del pubblico agente.
Nel richiamare la nuova formulazione dell’art. 318 c.p. introdotta con la legge 2012 n. 190, la Suprema Corte ha chiarito che la tutela penale si estende alle ipotesi di corruzione sistemica, ovvero quella legata alla messa a disposizione della propria funzione per gli interessi di terzi da parte del funzionario (pubblico ufficiale a libro paga) non solo legata ad una specifica prestazione del pubblico agente, essendo sufficiente la distorsione potenziale dell’esercizio della funzione a ledere l’imparzialità e il prestigio della Pubblica Amministrazione.

Conclusione

In conclusione, la Corte di Cassazione, nell’accogliere il ricorso del Procuratore generale, ha annullato la sentenza di assoluzione degli imputati della Corte d’Appello e ha stabilito che per la configurazione del reato di corruzione per l’esercizio della funzione è il mercimonio della funzione l’elemento decisivo per la configurazione del reato e non la protrazione nel tempo del rapporto corruttivo.

Lo Studio Legale MZ Associati da anni assiste medici in processi in ambito di Diritto Sanitario e di Responsabilità Medica, assiste costantemente imprenditori e amministratori societari in controversie in ambito di Responsabilità d’Impresa e Sicurezza sul lavoro, garantendo anche un’ampia tutela dalle Misure di Prevenzione e dai Sequestri, finalizzati alla Confisca; inoltre, lo Studio difende amministratori e funzionari pubblici in processi per reati contro la Pubblica Amministrazione, e tratta Diritto Penale sin dal 1999.
Per una consulenza o per affidare un incarico difensivo, contatta lo Studio senza esitazione

Autore

  • Avv. Michele Mastromartino

    Laureatosi in Giurisprudenza presso l’Università “La Sapienza” in Roma e iscritto all’Ordine degli Avvocati di Potenza sin dal 1999, l’avv.Mastromartino si occupa in particolare di Diritto Penale e, dal 2011, possiede l’abilitazione professionale al patrocinio avanti alle Magistrature Superiori. In Marzo 2017 consegue la Specializzazione in Discipline Penalistiche presso la Scuola di Alta Formazione Specialistica per l'avvocato penalista e nel 2018 viene eletto quale componente del Direttivo della Camera Penale Distrettuale di Basilicata. Viene nominato Vice Presidente della Commissione esami Avvocato per il Distretto di Corte di Appello di Potenza, nel 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *